Ti stai accingendo a fare una ristrutturazione della tua casa e ti chiedi quali siano gli elementi più importanti per il tuo impianto di riscaldamento.

Sicuramente sapere quale tipo di dimensionamento dei termosifoni dovresti scegliere può essere davvero utile, e se hai molti dubbi ti consigliamo sempre di rivolgerti ad un professionista, che sarà in grado di indicarti tutti  gli elementi che potrebbero esserti utili per la tua scelta, e magari anche di procurarti i tuoi nuovi termosifoni.

Tuttavia, se vuoi iniziare a capire che cosa sia importante considerare in merito al dimensionamento dei termosifoni, eccoti qualche punto da valutare.

Dimensionamento dei termosifoni, rispettare la legge

In primo luogo, sappi che nel caso in cui sia per te necessario effettuare una ristrutturazione, dovrai adeguare i tuoi termosifoni alle normative vigenti.

Dovrai, quindi, costituire un impianto di riscaldamento che abbia le caratteristiche previste a livello nazionale e locale.

Per questo può essere davvero utile fare riferimento ad un professionista che ti sappia consigliare sotto questo punto di vista.

Ad esempio, sarà per te necessario installare immediatamente le valvole e i contabilizzatori, in quanto dovrai adeguarti, come tutti gli altri, alle disposizioni che li prevedono all’interno delle case più recenti.

Inoltre, un professionista si potrà anche occupare di costituire quelle che sono le certificazioni necessarie al fine di sapere che il tuo impianto di riscaldamento sarà realmente a norma.

Sostituire i termosifoni: quali le tipologie migliori

Prima di parlare del vero e proprio dimensionamento dei termosifoni, sarà necessario anche capire quali tipologie di radiatori sono attualmente presenti.

Quelli ancora diffusi sono in ghisa, ma pian piano questi sono stati sostituiti da altri tipi di materiali, come l’alluminio, l’acciaio e così via.

Sappi che un radiatore in ghisa si riscalderà con maggiore lentezza, ma sarà anche quello che manterrà al meglio la temperatura.

I radiatori in alluminio hanno l’effetto contrario, mentre un termosifone in acciaio è quello che durerà meno nel tempo.

Chiedi consiglio sempre ad un fuochista o ad un idraulico professionista per capire quale scelta fare.

Dimensionamento dei termosifoni, gli elementi da considerare

A questo punto si può passare a parlare del vero e proprio dimensionamento dei termosifoni e dei parametri da prendere in considerazione per questi.

Il dimensionamento si può ottenere calcolando il fabbisogno di calorie che sarà necessario per avere una temperatura ideale all’interno dei diversi ambienti domestici.

Per effettuare il calcolo dovrete prendere in considerazione alcuni parametri, quali:

  • Le caratteristiche e l’isolamento termico dell’edificio;
  • La zona climatica della casa (ad esempio, a Nord farà sicuramente più freddo che a Sud);
  • L’esposizione solare e l’orientamento degli ambienti che dovrete riscaldare;
  • La temperatura media dell’acqua che è presente all’interno del vostro impianto di riscaldamento.

Ovviamente, alcuni di questi parametri saranno immediatamente accessibili, mentre per altri avrete certamente bisogno dell’aiuto di un professionista, che potrà fare le misurazioni e vi potrà indicare il risultato delle stesse.

Inoltre, dovrete anche capire dove posizionare i vostri nuovi termosifoni dopo il dimensionamento.

Infatti, la posizione di un radiatore sarà essenziale, poiché solo nel caso in cui questa venga studiata attentamente vi consentirà di riscaldare al meglio tutta la stanza.

In moltissimi casi i radiatori vengono posizionati al di sotto rispetto alle finestre, in quanto questa posizione consente di spostare in modo più efficace l’aria calda verso il centro della stanza.

Ovviamente, a seconda del tipo di casa che avrete, potrà cambiare anche la posizione dei vostri termosifoni, come può accadere per chi non abbia delle finestre ma delle portefinestre oppure dei balconi, che possono determinare una maggiore dispersione termica e una diversa esigenza dal punto di vista del riscaldamento.

 

Share This